Tutto va imparato non per esibirlo, ma per adoperarlo.
(Georg Christoph Lichtenberg)

Quando si decide di organizzare un corso di lingue in azienda è utile focalizzare la propria attenzione su alcuni punti cruciali.

Avere un buon perché

Una volta messo a fuoco il perché, che potrebbe derivare dalla necessità di formare il personale per via dell’attivazione di nuovi canali di vendita, dallo spostamento su fornitori stranieri o anche solo dal piacere di offrire un benefit ai propri dipendenti, bisogna passare ai punti successivi.

A chi rivolgere il corso

Innanzitutto, occorre definire a chi rivolgere il corso. Se il motivo è funzionale, vanno ben individuate le persone cui proporlo: se la sentiranno di investire tempo ed energie su un nuovo obiettivo? Riusciranno a sfruttare le lezioni in modo da raggiungere presto la meta? Se l’azienda sceglie di offrire il corso come benefit a tutti i dipendenti, comprenderanno tutti la portata del gesto, apprezzando l’opportunità che viene loro offerta?

Cosa affrontare a lezione

Una volta individuato il target si definiranno gli obiettivi, in relazione a chi prenderà parte al corso. Se viene rivolto a chi ha un contatto in lingua con clienti e fornitori o intraprende viaggi all’estero si affronteranno le situazioni comunicative legate alla vita di ufficio e alle trasferte; potrebbe esserci la necessità di lavorare sulla comunicazione aziendale intorno a un linguaggio settoriale che l’azienda ha già acquisito; oppure ancora trattare in lingua argomenti di natura strategica per i vertici aziendali.

Dove organizzare il corso

Altra faccenda spinosa riguarda dove organizzare il corso. Alcune aziende potrebbero non essere dotate di spazi appropriati, altre invece avere ampia scelta. Nel corso della mia esperienza ho fatto lezione in uffici open space, dove ci si infastidiva a vicenda in una guerra fredda di telefonate in un tono di voce troppo squillante e registrazioni audio ad alto volume per sovrastare i rumori di fondo; sala computer, con il sottofondo dei server e l’odore di parmigiana di melanzane fritte o pollo arrosto perché era l’unico posto in cui installare il microonde e facevamo lezione in pausa pranzo; ma anche sale riunioni da lasciarmi a bocca aperta per il lusso e lo stile degli arredi.

Da ultimo, si potrebbe prendere in considerazione un corso in videocall; qui gli aspetti fondamentali da prendere in considerazione sono tecnici da un lato e pratici dall’altro, richiedendo una buona organizzazione del docente per la trasmissione del materiale da utilizzare.

Quando svolgere le lezioni

Last but not least, quando. Durante l’orario di lavoro, in pausa pranzo, al termine della giornata prima di rientrare a casa o nel weekend? Ogni soluzione ha pro e contro che vanno ben analizzati, soprattutto in funzione di chi seguirà il corso. Se si tratta di mamme e papà, vorranno probabilmente godersi la famiglia prima di cena e nel weekend; un carrierista sarà decisamente più orientato a proporre un tempo extra lavoro, per farsi notare; se si tratta di un manager che viaggia spesso potrebbe essere necessario prendere appuntamento di settimana in settimana in base agli impegni lavorativi fuori ufficio.

A questo punto si legano anche frequenza e durata delle lezioni, unendo la disponibilità degli studenti e dell’azienda alle esigenze didattiche senza dimenticare l’eventuale possibilità dei partecipanti di incrementare le ore del corso con qualche attività da svolgere individualmente fra una sessione e l’altra.

Affidarsi a professionisti in gamba

Quando si decide di organizzare un corso di lingue in azienda è bene affidarsi a professionisti: chi organizzerà il corso non dovrebbe limitarsi a erogare le lezioni una volta che l’azienda si è presa tutta la responsabilità delle scelte a monte. Una buona scuola di lingue sarà in grado di affiancarvi anche nella valutazione di questi aspetti, che sono fattori chiave per il successo di qualsiasi attività di formazione in azienda.  

Angela

Lingue dal Mondo, Bareggio

Seguici sui social | Facebook Instagram LinkedIn

Può interessarti anche > https://linguedalmondo.it/Blog/2022/01/17/un-professionista-della-comunicazione-in-lingua-straniera-a-disposizione-dellazienda/