Come fare pratica di lettura in lingua se non ti piace leggere

Come fare pratica di lettura in lingua se non ti piace leggere

14 Dicembre 2023 0 di Bareggio

Come superare la paura della lettura e fare pratica di reading quando il libro non ti chiama?

Sappiamo che per molti studenti la lettura può sembrare una sfida insormontabile, soprattutto perchè sempre associata all’idea che si tratti di lettura di libri.

A noi leggere (saggi, romanzi, etc) piace molto, ma non è detto che sia così per tutti! Quando la lettura non fa parte delle proprie passioni già in italiano, farlo diventare un esercizio in lingua rischia di diventare una vera e propria tortura.

Ci piace ripeterlo sempre ai nostri studenti: sì, fare pratica con la lingua straniera che si sta studiando è fondamentale. Non esiste, però, un solo modo, unico per tutti, per esercitarsi. Ognuno può e deve trovare quello che funziona meglio nel proprio specifico caso.

E qual è il punto fondamentale? Partire da ciò che più ci piace!

Cosa fare allora quando leggere proprio non ci piace?

In questo articolo, esploreremo insieme alcune strategie per fare pratica di reading, specialmente quando la lettura non è la vostra attività preferita. Che sia inglese, francese, spagnolo, tedesco o russo, queste idee possono aiutarvi a rendere il processo più piacevole e, allo stesso tempo, efficace.

Se hai dubbi o vorresti capire meglio come creare un percorso di apprendimento delle lingue tarato sui tuoi interessi, contattaci!

Trovare il giusto materiale

Spesso il motivo principale per cui la lettura risulta noiosa è la mancanza di interesse nel materiale. La soluzione? Trovate qualcosa che vi appassioni! Invece di forzarsi a leggere romanzi complessi, scegliete libri, articoli o blog su argomenti che vi stuzzichino la curiosità.

Potete esplorare siti web che offrono notizie o storie leggere, adattate al vostro livello di lingua. Ricordate che l’obiettivo è rendere la lettura un piacere, non un compito noioso.

Inoltre non siate troppo vincolati dal dover seguire un livello specifico. Se sapete di avere un livello intermedio di inglese, potete azzardare anche qualche lettura un po’ più avanzata – purchè sia su un argomento che già conoscete e vi appassiona.
Il fatto di leggere qualcosa che realmente vi interessa vi farà pesare meno l’eventuale difficoltà linguistica, e sarà senza dubbio più piacevole che leggere un testo che è esattamente del vostro livello ma che trovate estremamente noioso!

Collegare la lettura agli interessi personali

Lo abbiamo già accennato: un modo efficace per rendere la lettura più piacevole è collegarla ai vostri interessi personali. Se amate la musica, leggete articoli su artisti o generi musicali che vi appassionano. Se siete appassionati di cucina, cercate ricette o storie culinarie. Collegare la lettura ai vostri interessi rende l’attività più significativa e stimolante.

L’idea centrale è la seguente: identificare un argomento a cui si è interessati a prescindere dalla lingua e di cui ci piacerebbe scoprire di più. Può trattarsi di arte o delle ultime news di attualità dal mondo.
Poi, invece che leggere articoli, notizie e post social in italiano, basterà cercare risorse o account che se ne occupino nella vostra lingua target. Ricordate infatti che una lingua “straniera” non è una materia, ma un codice comunicativo. Quello che oggi fate in italiano potete farlo domani nella vostra lingua di interesse.

Fare uso di app ed esercizi interattivi

Nel mondo delle lingue ci sono numerose app e piattaforme online progettate per rendere lo studio più coinvolgente. Alcune di esse offrono esercizi di reading interattivi che non solo vi aiuteranno a migliorare la comprensione, ma renderanno anche il processo più divertente.

È fondamentale infatti ricordare anche la differenza tra lettura attiva e passiva.

  • Lettura passiva: coinvolge l’assorbimento di informazioni senza uno sforzo particolare, come quando scorriamo casualmente un articolo o, anche, leggiamo un testo con il solo intento di comprenderne le informazioni.
  • Lettura attiva: richiede uno sforzo consapevole, coinvolgendo riflessioni, annotazioni e una partecipazione più diretta con il testo. Ci porta a riflettere sul “Perchè qui è stato utilizzato il present perfect al posto del past simple?” oppure “Questa parola forse è un termine dialettale che non conosco? Quale sarebbe la versione standard?”.

Insomma, la lettura attiva è molto di più che una semplice lettura: si tratta di un vero e proprio esercizio.

Impostare obiettivi realistici

Spesso la paura della lettura deriva da aspettative troppo alte. Non cercate di leggere un romanzo complesso in una lingua straniera se siete ancora principianti. Invece, impostate obiettivi realistici. Iniziate con testi più semplici e gradualmente aumentate la complessità man mano che la vostra fiducia e competenza crescono.

Ricordate però: come abbiamo già detto, non sottovalutate il vostro intuito e le vostre preferenze.

Se un testo vi interessa anche se vi sembra difficile per il vostro livello, non tiratevi indietro! Magari suddividetelo in più sessioni di lettura, così da non fare uno sforzo eccessivo tutto in una volta, ma non privatevi dell’esperienza di leggere qualcosa che vi piace solo perchè vi sembra complessa.

La lettura, insomma, non deve essere temuta o evitata. Con le giuste strategie e un approccio positivo è possibile trasformare questa attività in un piacere piuttosto che un compito.

Siate creativi nella scelta del materiale, sfruttate le risorse digitali, coinvolgete i vostri amici e, soprattutto, impostate obiettivi realistici. La lettura è un viaggio che vi porterà a scoprire nuovi mondi e approfondire le vostre competenze linguistiche. Siate aperti all’avventura e, soprattutto, divertitevi!